Attendere prego, invio in corso
AREA OPERATORI               
Login Registrati»
Password?
Notizie
07/11/2023 - Transat Jacques Vabre: partiti i monoscafi Imoca

Photo credit: © Jean-Marie Liot / Alea

Rinviata per più di una settimana a causa del passaggio delle tempeste Ciaràn e Domingos, ha preso il via questa mattina martedì 7 novembre alle 9:30, la 16a edizione della Transat Jacques Vabre Normandie – Le Havre per la Classe IMOCA.
Giancarlo Pedote, Gaston Morvan e tutti i navigatori dei 60 piedi, sono partiti verso Fort-de-France quasi su rotta diretta, con il solo obbligo di lasciare a dritta l'arcipelago delle Azzorre. Sin dalle prime miglia sarà battaglia perché sarà necessario prendere le prime scelte strategiche che potrebbero incidere significativamente sull’esito finale della regata transatlantica. Ma l’equipaggio del duo a bordo di Prysmian Group è pronto all'azione e soprattutto a spingere al massimo sull’acceleratore.

Sapersi adattare è senza dubbio una delle qualità essenziali di qualunque navigatore, ma non tutti hanno la stessa capacità di gestire il calo di adrenalina causato da un lungo stop che ha portato al rinvio di una partenza. “Nella vita o ti lamenti o rimani concentrato – ha dichiarato prima della partenza Giancarlo Pedote - Con Gaston, essendo entrambi pragmatici per natura, abbiamo optato per la seconda soluzione, rimanere cioè concentrati esattamente come una settimana fa. Per questo siamo impazienti. Ci prepariamo per una regata veloce, mozzafiato ma anche incerta. Se scegliamo la giusta rotta, potremo percorrere le 3.765 miglia del nuovo percorso proposto agli IMOCA in due settimane circa. All'uscita della Manica sarà già tempo di scegliere se proseguire verso ovest e subire il susseguirsi di diversi fronti atlantici, oppure andare verso sud alla ricerca degli Alisei ma con il rischio di rimanere in una vasta zona di instabilità”, spiega lo skipper toscano. Ovviamente nulla è scontato, ma probabilmente a Brittany Point la flotta si dividerà in due.

“Se ciò accadrà, è molto probabile che ci saranno grossi distacchi all’arrivo. Dovremo quindi osservare attentamente l'evolversi della situazione fino all'ultimo momento”, annuncia Giancarlo. Un'opinione condivisa dal suo compagno. “Le prime miglia probabilmente determineranno l’intera regata. La partita si preannuncia molto aperta, anche con il passaggio obbligato per le Azzorre”, racconta Gaston Morvan “dovremo lasciare a dritta Santa Maria, l'isola più meridionale dell'arcipelago e questo determinerà differenze significative. Ognuno giocherà secondo i punti forti e i punti deboli della propria barca”, assicura il velista esperto di Figarò che insieme a Giancarlo potrà scegliere tra una rotta a sud, tranquilla – forse troppo – sottovento, lungo il Portogallo e le coste africane o una rotta a ovest impegnativa, senza dubbio difficile, controvento. “La scelta non sarà semplice ma sicuramente opteremo per il percorso che riterremo più rapido. Il comfort non sarà mai un argomento determinante!”, assicura il navigatore che andrà dritto al nocciolo della questione poiché anche la fase di partenza si preannuncia spumeggiante. “I primi giorni saranno molto intensi. Ci sarà da lavorare per trovare sia il giusto assetto sia il giusto passaggio”, nota il co-skipper di Prysmian Group.

Per fare bene, Giancarlo e Gaston dovranno assicurarsi di sfruttare il più possibile il potenziale del loro mezzo, ma anche di mantenere un ritmo elevato dall'inizio alla fine della gara. “Mi riprometto di spingere l’imbarcazione più forte di quanto sono riuscito a fare finora. Resta l’impegno nella corsa ad ottenere le miglia necessarie per la qualificazione al Vendée Globe, ma un anno prima della grande partenza, la barca comincia ad essere molto affidabile nella sua nuova configurazione.”, spiega il navigatore italiano, deciso nello spingere più forte sul pedale dell'acceleratore. “La mia ambizione è essere combattivo, concentrato e pronto nel sentire la barca con tutti i suoi rumori durante la navigazione sulle onde”, spiega Giancarlo soprattutto se la via del Nord si rivelasse la più favorevole. “Anche se la barca è sempre più pronta per il giro del mondo, c’è ancora un po’ di lavoro da fare su certi dettagli. Questa Transat Jacques Vabre sarà perfetta per testare quante più cose possibili, con una concorrenza molto accanita. Sarà avvincente e interessante da vivere questa edizione della Transat!”, conclude Giancarlo Pedote.
 
Partenza valida per Giancarlo Pedote, Gaston Morvan e Prysmian Group che hanno tagliato la linea di partenza nel primo terzo della flotta, in un mare con onde di 3,50m, venti da SO di 15 nodi con raffiche di 23 nodi e randa regolata con una mano di terzaroli. Il vento durante la giornata aumenterà gradatamente verso l’uscita della Manica.

La Transat Jacques Vabre
Nota anche come Rotta del Caffè, a causa della storia del porto di partenza, la Transat Jacques Vabre è una regata in doppio che parte da Le Havre - il più grande porto d'importazione di caffè in Europa, sia in termini di stoccaggio che di distribuzione - e attraversa l'Oceano Atlantico.
Nata nel 1993, si svolge ogni due anni, in alternanza con la Route du Rhum. Come quest’ultima – che si svolge in solitario – la Transat Jacques Vabre è aperta a differenti classi di imbarcazioni. In particolare, la Rotta del Caffè permette la partecipazione su qualificazione ai multiscafi delle classi degli Ultim – di lunghezza fuori tutto superiore a 100 piedi (32 metri) senza altre limitazioni di dimensione – e degli Ocean Fifty – 50 piedi (15,24 metri) di lunghezza e larghezza massimi, e ai monoscafi della classe IMOCA – 60 piedi (18,29 metri), e Classe 40 (12,19 metri).
Caratteristica principale di questa regata è la sua evoluzione continua, nel percorso e spesso nei porti di arrivo. Nel corso degli anni, infatti, la Transat Jacques Vabre ha concluso il suo percorso in diverse città: Cartagena, Puerto Limon, Itajai, Salvador de Bahia e, dal 2021, Fort-de-France in Martinica.
Nel 2021, con la definizione di Fort-de-France come nuova città di arrivo, gli organizzatori colgono l'occasione per differenziare i percorsi delle diverse Classi di imbarcazione, per cercare di rendere più omogenei i tempi di gara e garantire la stessa visibilità a tutti, con un arrivo raggruppato, indipendentemente dalle prestazioni delle diverse classi.
L’edizione del 2023 è la quindicesima, la regata compie 30 anni.

Articoli correlati: Transat Jacques Vabre 2023
Credit: Ufficio stampa Giancarlo Pedote - Stefania Salucci
Redazione Velanet

SEZIONE NOTIZIE
  Notizie
Le notizie dal mondo della vela.
Ricerca le più datate in Archivio
Novità
Nuovi prodotti, iniziative, novità.
Ricerca le più datate in Archivio
InfoAziende
I comunicati degli operatori
 
ARGOMENTI
   
ARCIPELAGO
 
Logo Agenzia Del Porto
Logo Riviera Vento
Logo Ala Charter
 
   Website info    |    Contatti copyright 1996-2023 / Velanet