Attendere prego, invio in corso
AREA OPERATORI               
Login Registrati»
Password?
Novità
20/04/2023 - Cambi di equipaggio a The Ocean Race

Photo credit: © Julien Champolion-polaRYSE / Holcim - PRB

La rotazione degli equipaggi si sta rivelando un elemento importante in questa edizione di The Ocean Race. Per la Leg 4 sono previsti grandi avvicendamenti nell'equipaggio, in particolare per due team. Siamo praticamente a metà percorso, con circa il 55% dei punti ancora a disposizione, e se si vogliono fare dei cambiamenti, Itajaí sembra il posto giusto per effettuarli.

Tuttavia, si dice spesso che nelle regate oceaniche l'esperienza è tutto. Quindi, i molteplici cambi di equipaggio di Team Holcim-PRB, ad esempio, rendono il leader della regata vulnerabile in vista della Leg 4? Un'opportunità per gli altri team di attaccare? Ecco un riepilogo di chi ha effettuato quali cambiamenti nei rispettivi roster di equipaggio.

Team Holcim-PRB
L'attuale leader della regata, Team Holcim-PRB, vede lo skipper Kevin Escoffier in procinto di partire con una formazione completamente diversa rispetto alla terza tappa. Per la prima volta salgono a bordo Annemieke Bes (NED) e Benjamin Schwartz (FRA), mentre Fabien Delahaye (FRA) passa per la prima volta dalle attività a terra a quelle a bordo.
"Ho scelto questo equipaggio per diversi motivi", ha dichiarato Escoffier. "Innanzitutto, volevo avere un gruppo internazionale, con culture diverse. In secondo luogo, ho scelto il profilo di Fabien perché conosce già la barca, su cui ha navigato alla fine del 2022 da Pointe-à-Pitre di ritorno dalla Route du Rhum - Destination Guadeloupe".
"Ho quindi cercato un velista versatile e il profilo di Annemieke corrispondeva esattamente a ciò che mi aspettavo. Ha già partecipato a una Volvo Ocean Race in equipaggio, è stata un'olimpionica [medaglia d'argento olimpica, 2008] ed è molto forte fisicamente". Per completare il team, il profilo di Benjamin Schwartz era l'ideale, in quanto ha molte competenze, ha navigato anche sui multiscafi ed è molto esperto in termini di elettronica e pilota" ha spiegato lo skipper transalpino.
"Poiché l'equipaggio è nuovo, per far entrare i velisti nel vivo delle cose, ho già inviato loro dei documenti prima del loro arrivo sulle specifiche della barca. Ho inviato loro diverse schede che riassumono la nostra conoscenza della barca e il trim book che compiliamo durante la navigazione. La prossima settimana parteciperanno anche al debriefing delle prestazioni. Questo ci permette già di fare progressi in vista delle regate della prossima settimana". Georgia Schofield (NZL) sale a bordo come On Board Reporter (OBR).

Biotherm
Anche su Biotherm ci sono grandi cambiamenti: lo skipper Paul Meilhat (FRA) ha inserito tre nuovi componenti dell'equipaggio. Per la Leg 4 entrerà a far parte della squadra il velista britannico Alan Roberts (GBR), nove volte partecipante al circuito francese Figaro in solitario, la velista portoghese Mariana Lobato (POR), olimpionica e campionessa del mondo di Match Racing nel 2013, e la velista francese Marie Riou (FRA), quattro volte campionessa del mondo Nacra 17, olimpionica e vincitrice della Volvo Ocean Race 2018 con Dongfeng Racing Team. Anne Beaugé (FRA) tornerà a bordo come OBR. Ciò significa che l'imbarcazione Biotherm navigherà con 2 donne e 2 uomini come equipaggio di gara e 3 donne a bordo in totale, compresa l'OBR.

11th Hour Racing Team
Francesca Clapcich (ITA) torna a bordo di 11th Hour Racing Team, prendendo il posto di Justine Mettraux (SUI), che rientra nel regolare turnover. Jack Bouttell (AUS/ GBR) parteciperà alla In-Port Race di Itajaí, ma scenderà per la quarta tappa, mentre Damian Foxall (IRL), membro dello shore team, si unirà all'equipaggio per la prima volta. L'irlandese è un veterano che ha partecipato sei volte a The Ocean Race, con oltre 450.000 miglia all'attivo. "Sono stato molto contento quando Charlie mi ha chiesto di navigare a bordo per la prossima tappa fino a Newport", ha commentato Foxall. "Ogni volta che la regata è arrivata a Itajaí, ho navigato verso o dalla città, quindi sono davvero orgoglioso di farlo ancora una volta. Mi metterò in gioco e regaterò al fianco dei fantastici velisti di tutta la flotta, abbiamo una delle barche migliori per questa tappa e non vedo l'ora di partire".
Anche l'olimpionica italiana Francesca è impaziente di tornare a bordo. "Sono passati quasi due mesi dall'ultima volta che ho regatato a bordo e mi è mancato. Non vedo l'ora di partire e cercheremo di fare il possibile per risalire in classifica. È il nostro momento. Prima di partire da casa, ho detto a mia moglie: "Vinceremo questa tappa". Penso anche che sia bene arrivare freschi, senza aver navigato nella precedente, come faremo io e Damian. Questa è una tappa importante per il team e sono contenta di essere a bordo".

Team Malizia
Il velista britannico Will Harris sarà lo skipper di Team Malizia per la quarta tappa di The Ocean Race, assumendo il ruolo per la seconda volta in questa regata intorno al mondo. La novità del team internazionale è il velista d'altura francese Christopher Pratt (FRA). Sostituirà Boris Herrmann che, come previsto, non parteciperà alla regata da Itajaí a Newport. Pratt vanta un'ampia esperienza nell'ambito degli IMOCA, maturata in diversi progetti del circuito francese. "Sono davvero felice di unirmi al Team Malizia nella prossima tappa di The Ocean Race", ha dichiarato il 42enne francese. "Partecipare a questa regata è un sogno d'infanzia che si realizza. Ho seguito molto da vicino la gara fin dall'inizio e ancora di più durante l'ultima tappa. Sono rimasto impressionato dall'impegno e dalla resistenza dell'equipaggio che ha vinto la tappa più lunga della regata. Non vedo l'ora di unirmi al team a Itajaí e farò del mio meglio per portare la mia esperienza e il mio entusiasmo all'equipaggio".

GUYOT environnement - Team Europe
GUYOT environnement - Team Europe mantiene lo stesso equipaggio che è partito per la terza tappa. Non era nei piani iniziali, ma dopo il ritiro della barca dalla Leg 3, lo skipper Benjamin Dutreux e il team hanno deciso che sarebbe stato meglio mantenere una continuità nell'equipaggio. La maggior parte della squadra ha approfittato dell'opportunità di riposare e recuperare a casa, quindi ha avuto qualche settimana per ricaricarsi e prepararsi a una bella performance in Atlantico. "Non vediamo l'ora di regatare", ha detto Dutreux. "Questa è una tappa interessante per la maggior parte di noi, perché di solito non navighiamo sul versante occidentale dell'Atlantico, quindi avremo molto da imparare e da sperimentare”.

Credit: Press The Ocean Race
Redazione Velanet

SEZIONE NOTIZIE
  Notizie
Le notizie dal mondo della vela.
Ricerca le più datate in Archivio
Novità
Nuovi prodotti, iniziative, novità.
Ricerca le più datate in Archivio
InfoAziende
I comunicati degli operatori
 
ARGOMENTI
   
ARCIPELAGO
 
Logo SkipperClub
Logo Centro Velico Caprera
Logo Riviera Vento
 
   Website info    |    Contatti copyright 1996-2023 / Velanet