Attendere prego, invio in corso
AREA OPERATORI               
Login Registrati»
Password?
Novità
28/10/2022 - La Rotta del Rhum 2022 di Giancarlo Pedote

Photo credit: @Polaryze

Dopo aver raggiunto Saint-Malo da Lorient in condizioni meteo impegnative e aver partecipato alla Grand Parade IMOCA, mercoledì 26 ottobre sera Giancarlo Pedote ha ormeggiato il suo IMOCA 60 piedi nel bacino Duguay-Trouin del porto della città corsara. Lo skipper di Prysmian Group è tornato a vivere l'emozione e la magia della Route du Rhum - Destination Guadeloupe che aveva vissuto otto anni fa, quando partecipònella categoria Class40. Un’esperienza che gli ha lasciato un magnifico ricordo ma soprattutto la soddisfazione di un lavoro ben fatto. Il navigatore italiano spera quest'anno di completare il percorso di 3.542 miglia con, ancora una volta, la sensazione di aver dato il meglio di sé.

Nonostante le numerose miglia percorse in mare negli ultimi anni, tra le quali quelle del Vendée Globe, il giro del mondo in solitario senza assistenza e senza scalo, la prima partecipazione alla leggendaria Route du Rhum - Destination Guadeloupe nel 2014 rimane ancora oggi un ricordo speciale per Giancarlo Pedote.

"All'epoca mi colpì come un fulmine. Ero rimasto completamente assorto nel mio progetto Mini 6.50 fino alla regata Les Sables - Les Açores - Les Sables del 2015 e solo sette mesi prima dell'evento mi è stato proposto di partecipare alla Rotta del Rhum a bordo del Tyker 40 Fantastica. Potevo scegliere se rifiutare per il timore di non essere sufficientemente preparato e quindi all'altezza delle mie aspettative, o se accettare sulla base del fatto che qualunque sia il contesto, ci sono sempre cose da imparare", ricorda il navigatore che scelse la seconda opzione. Una scelta di cui non si è mai pentito.

"Oggi rimane una delle regate delle quali sono più fiero", afferma il fiorentino ricordando la complessità dell’inizio della regata del 2014: " Mi sono dovuto fermare subito la prima notte per motivi tecnici. La barca non era sufficientemente preparata. È stato davvero difficile, ma nonostante tutto, ho trovato la forza mentale per ripartire e concentrarmi sulla gara. Ho trovato in me stesso risorse che non sapevo di avere. Rientrato in regata dopo lo stop, in ultima posizione, sono risalito gradualmente in classifica fino a chiudere al 10° posto grazie a tattica e strategia", spiega lo skipper di Prysmian Group.

Un altro tassello di esperienza che sommato a quelli successivi permette oggi a Giancarlo Pedote di affrontare questa 12ª edizione del Rhum con un sentimento di tranquillità. "A volte mi sembra che il dover fare una regata transatlantica - in doppio o in solitario - in questo periodo dell'anno sia diventato una "routine"! In realtà ho solo acquisito fiducia e questa fiducia mi permette di sentirmi sempre più rilassato all'inizio di una regata. Ma nonostante questo, nonostante la festa che sta svolgendo a Saint-Malo, non perdo di vista il fulcro del mio interesse: quello che accadrà sull'acqua tra la Bretagna e la Guadalupa. Voglio rimanere completamente concentrato su questo, senza preoccuparmi troppo del resto. Per me, la cosa più importante è fare il mio lavoro e farlo bene", spiega Giancarlo che ha potuto (ri)convalidare un gran numero di punti tecnici durante le ultime sessioni di allenamento e durante il trasferimento verso la « città del Corsaro ».

"La barca è pronta, mancano solo alcuni dettagli e potrò entrare nel vivo della regata. È ancora presto per tirare le somme sulla situazione meteo (che non si prospetta bella) : lo farò il giorno prima della regata, come sempre. Nel frattempo continuo ad allenarmi e partecipo alle riunioni e briefing in programma", osserva il velista italiano, già impaziente di mettersi all'opera. "Sarà una regata impegnativa: sappiamo che in questo periodo dell'anno la meteorologia è complessa e questo è l'aspetto più interessante. Ad oggi non ho tutte le armi a disposizione (i foil che verranno installati nel 2023, ndr) per giocarmi i primi posti nella velocità pura, ma ho il vantaggio di avere una barca affidabile che conosco bene e che mi permette di spingere senza paura. Come al solito, farò del mio meglio e cercherò di optare per le migliori scelte strategiche, di far funzionare al meglio la barca e di non trascurare alcun dettaglio", conclude Giancarlo Pedote.

Continuano solide le partnership tra Giancarlo e le aziende che credono in lui: Prysmian Group, sponsor dal 2017, leader mondiale nel settore dei sistemi in cavo per energia e telecomunicazioni, che con l’avvio del progetto IMOCA nel 2019 ha deciso di ospitare a bordo dell’imbarcazione anche Electriciens sans frontières, la ONG di solidarietà internazionale che dal 1986 lotta contro le disuguaglianze nell'accesso all'elettricità e all'acqua nel mondo. Con loro anche lo sponsor tecnici Helly Hansen e gli official supplier Gottifredi Maffioli, Raymarine e Lombardini.

Chi è Giancarlo Pedote
Laureato in filosofia, ex praticante di box e full contact, Giancarlo è un velista atipico che ha un approccio molto metodico alla vela. Vincitore del Transat Jacques Vabre 2015 in Multi 50, due volte Champion de France promotion course au large en solitaire, due volte Velista dell'Anno italiano, ha partecipato al suo primo giro del mondo in solitario nel 2020, il Vendée Globe, arrivando in 8a posizione, a sole 19 ore dal primo. Autore di un DVD e due libri tecnici sulla vela, ha pubblicato con Rizzoli del Gruppo Mondadori "L'anima nell'oceano". È fondatore e manager della struttura che gestisce la comunicazione, gli sponsor e il suo progetto sportivo.

Articoli correlati: Route du Rhum 2022
Credit: Ufficio Stampa Giancarlo Pedote
Redazione Velanet

SEZIONE NOTIZIE
  Notizie
Le notizie dal mondo della vela.
Ricerca le più datate in Archivio
Novità
Nuovi prodotti, iniziative, novità.
Ricerca le più datate in Archivio
InfoAziende
I comunicati degli operatori
 
ARGOMENTI
   
ARCIPELAGO
 
Logo Velscaf
Logo Riviera Vento
Logo Ala Charter
 
   Website info    |    Contatti copyright 1996-2012 / Velanet