Attendere prego, invio in corso
AREA OPERATORI               
Login Registrati»
Password?
Notizie
30/11/2020 - Vendée Globe al passaggio del primo dei grandi Capi. Pedote decimo.

Photo credit:© Giancarlo Pedote / Prysmian Group

I solitari del gruppo di testa della Vendée Globe navigano ormai nei mari del sud, verso est, e lungo il 40esimo parallelo sud le leggendarie condizioni meteorologiche non si smentiscono, consentendo ai monoscafi Imoca medie di velocità superiori ai 17 nodi.

Il leader della flotta, Charlie Dalin (Apivia), dopo l'avaria al foil di sinistra su LinkedOut di Thomas Ruyant mercoledì scorso (lo skipper è stato poi costretto a tagliare la pinna...) ha preso un vantaggio notevole sul secondo, arrivato nei giorni scorsi a più di 300 miglia e ora ridotto a 240.
Dalin sta ora per doppiare il Capo di Buona Speranza.

Alle spalle dei primi il gruppo degli inseguitori più vicini (racchiusi in circa 700 miglia) hanno superato le insidie del passaggio dell'anticiclone di Sant'Elena mentre gli ultimi 15 stanno ancora scendendo verso sud, con
Jeremie Beyou (Charal), ultimo, passato finalmente nell'emisfero meridionale.
Lo sfortunatissimo Alex Thomson (Hugo Boss), super favorito della vigilia, ha annunciato il ritiro dalla competizione dopo una seconda avaria che ha messo fuori uso uno dei timoni della sua barca.

Il nostro Giancarlo Pedote naviga nel gruppo dei primi con circa 500 miglia di distacco dal primo della flotta.

Dopo tre settimane di regate e quasi il 25% delle 21.638 miglia previste dal Vendée Globe sulla scia, anche Giancarlo Pedote vede la longitudine di Buona Speranza incombere all'orizzonte e non appena avrà doppiato il primo dei tre grandi capi del suo giro del mondo entrerà nell'Oceano Indiano, in quello che viene ufficialmente riconosciuto come il Grande Sud.
Navigare nell'Oceano Indiano e nel Pacifico meridionale è diverso da qualsiasi altra navigazione. Sistemi meteorologici a bassa pressione, isolamento, ghiaccio, cielo e Oceano grigio... tutto ciò che caratterizza questo deserto marittimo rende le condizioni estreme.

“L'aria è molto compatta e le temperature si sono abbassate molto. Ci sono tanti albatros intorno alla barca: senza dubbio è il Grande Sud e sto cominciando a capire le storie di chi mi ha raccontato la magia di questi luoghi incontaminati ”, ha commentato Giancarlo Pedote lunedì mattina, durante uno scambio con la sua squadra, consapevole che entrare in queste regioni segna l'inizio di una lunga traversata senza terra all'orizzonte.
Un ambiente duro, al quale è necessario adattarsi e che allo stesso tempo è necessario cercare di domare. “Ci si sente lontano da tutto qui, ma l'energia del luogo è incredibile. È pura, misteriosa e magnetica: ti fa venire voglia di continuare ad esplorare, andare a vedere cosa c'è di più avanti ", ha spiegato lo skipper di Prysmian Group che sa che vigilanza e anticipazione sono più che mai parole chiave per le prossime tre settimane.
"Stanotte stavo riflettendo sulla relazione tra uomo e natura. In Europa siamo riusciti a confinare la natura e abbiamo l'impressione di controllarla: rari sono i luoghi che rimangono inesplorati e rari sono le zone nelle quali è possibile restare isolati o fuori dalla portata di mano fosse solo dei soccorsi. Il Grande Sud, invece, è ancora abbastanza sconosciuto. Ci sono stati pochi viaggiatori qui. Sono poche le scie che sono state tracciate su questi mari, che rimangono relativamente inaccessibili ”.
Indubbiamente, il Grande Sud suscita fascino, alimenta paure ed è scenario di storie selvagge. "Ti rendi conto, quando sei qui, della maestosità della natura. L'essere umano è minuscolo di fronte a una tale potenza, una tale forza, con onde altissime, il cielo plumbeo, e i grandi ed eleganti albatros, che qui sono i padroni… ”, ha sottolineato l'unico navigatore italiano partecipante a questa incredibile regata, che continua la sua rotta con oltre 30 nodi di vento e onde di quasi quattro metri, generati di una depressione meridionale che investe il sud dell'Africa.

“Sono 24 ore che siamo nel flusso di questa depressione, con venti molto rafficati e molto instabili. Non è facile trovare le giuste impostazioni della barca, soprattutto con le attuali condizioni del mare, che sono influenzate dal fondale che si sta alzando, rendendo le onde particolarmente corte e frangenti”, ha spiegato Giancarlo Pedote, che dovrebbe trovare condizioni meno caotiche a partire da questa notte. “Ci sono ancora una dozzina di ore nelle quali sarà necessario stringere i denti. Devo continuare a fare le cose giuste per preservare il materiale. La barca è la mia sicurezza e affinchè la mia regata possa continuare, devo prendermene cura ”, ha concluso lo skipper di Prysmian Group, attualmente al 10 ° posto in classifica.

Posizioni alle 14 UTC del 30/11/2020:
1.    Charlie Dalin / APIVIA
2.    Thomas Ruyant / LINKEDOUT - a 241 miglia dal primo
3.    Kevin Escoffier / PRB - a 267 miglia dal primo
4.    Jean Le Cam / YES WE CAM! - a 293 miglia dal primo
5.    Louis Burton / BUREAU VALLEE 2 - a 321 miglia dal primo
6.    Yannick Bestaven / MAITRE COQ IV - a 324 miglia dal primo
7.    Sébastien Simon / ARKEA PAPREC
8.    Boris Herrmann / SEAEXPLORER-YACHT CLUB DE MONACO
9.    Damien Sesuin / GROUPE APICIL
10.    Giancarlo Pedote / PRYSMIAN GROUP - a 510 miglia dal primo
11.    Benjamin Dutreux / OMIA-WATER FAMILY
12.    Samantha Davies / INITIATIVES-COEUR
13.    Isabelle Joschke / MACSF
14.    Maxime Sorel / V AND B-MAYENNE
15.    Alex Thomson / HUGO BOSS
16.    Romain Attanasio / PURE-BEST WESTRERN
17.    Clarisse Cremer / BANQUE POPULAIRE X
18.    Alan Roura / LA FABRIQUE
19.    Stéphane Le Diraison / TIME FOR OCEANS
20.    Arnaud Boissieres / LA MIE CÂLINE-ARTISANS ARTIPÔLE
21.    Armel Tripon / L'OCCITANE EN PROVENCE
22.    Manuel Cousin / GROUPE SÉTIN
23.    Didac Costa / ONE PLANET ONE OCEAN
24.    Pip Hare / MEDALLIA
25.    Fabrice Amedeo / NEWREST-ART & FENÊTRES
26.    Clément Giraud / COMPAGNIE DU LIT-JILITI
27.    Alexia Barrier / TSE-4MYPLANET
28.    Miranda Merron / CAMPAGNE DE FRANCE
29.    Ari Huusela / STARK
30.    Kojiro Shiraishi / DMG MORI
31.    Sébastien Destremau / MERCI
32.    Jérémie Beyou / CHARAL
33.    Nicolas Troussel / CORUM L'EPARGNE - ritirato

Articoli correlati: Vendée Globe 2020
Redazione Velanet

SEZIONE NOTIZIE
  Notizie
Le notizie dal mondo della vela.
Ricerca le più datate in Archivio
Novità
Nuovi prodotti, iniziative, novità.
Ricerca le più datate in Archivio
InfoAziende
I comunicati degli operatori
 
ARGOMENTI
   
ARCIPELAGO
 
Logo Ala Charter
Logo Le Bateau Blanc
Logo Compagnia degli Skippers Oceanici
 
   Website info    |    Contatti copyright 1996-2012 / Velanet